Il 10% degli annunci on line in USA sono targettizzati su base geografica

VALUE LAB, 27/11/2009

ComScore, società americana leader nella misurazione dell'universo digitale, ha pubblicato una ricerca sull'advertising on line effettuata sui principali mercati americani: Altanta, Chicago, San Francisco e Washington D.C..
I risultati indicano un dato molto interessante: il 10% degli annunci on line in questi mercati sono targettizzati su base geografica.

Gli investitori americani riconoscono l'importanza di segmentare su base geografica, riconoscendo a seconda delle aree un differenziale rispetto al costo contatto medio compreso tra il 20 ed il 100%. Non dimentichiamo che il medium è globale (world wide web), ma gli utenti hanno i piedi per terra, nel vero senso della parola!
Collegandosi dal proprio PC, il "navigatore" dichiara implicitamente anche la collocazione territoriale e diventa segmentabile, ad esempio tramite la classificazione socio-geo-demografica Polis.

Insomma, la comunicazione locale mirata sta crescendo anche on line perché rappresenta un modo più efficace ed efficiente di investire.

Nella tabella sono riportate le percentuali di pubblicità on line mirate geograficamente; non c'è da stupirsi che i siti locali e regionali registrino una percentuale superiore.

Locally-Targeted Online Display Advertising by U.S. Market
August 2009
Total U.S. – Home/Work/University Locations
Local Market Share of Display Ads that are Local
All Publishers Top 100 Publishers Regional/Local Site Category
Atlanta 10% 7% 23%
Chicago 9% 9% 33%
San Francisco 11% 10% 26%
Washington, D.C. 11% 10% 32%
Average of 4 Markets 10% 9% 28%

Fonte: comScore 2009

VALUE LAB

LinkedIn 
torna su