Cross Fertilization per il settore Farmaceutico

VALUE LAB, 14/10/2009

Prendo spunto da un commento di Massimo Zaninelli per affrontare un tema cruciale. Pur essendo estremamente evoluto, il settore farmaceutico talvolta non coglie appieno il valore del contributo di expertise, metolodologie, soluzioni sperimentate in altri settori (anche molto distanti).

Le ragioni di fondo sono probabilmente troppo complesse per poter essere affrontate in questa sede, ma è certo che molte dei constraint afferenti alla regolamentazione del settore in realtà non rappresentano necessariamente un vincolo per molti degli ambiti di applicazione dei nostri servizi di marketing, faccio alcuni esempi:

- orientare le proprie strategie in modo da supportare anche il canale (farmacie, parafarmacie, ecc.) e il suo sell-out, oltre alle attività di informazione scientifica già in essere, erogata ai medici

- ottimizzare la struttura degli ISF, definendo un assetto bilanciato rispetto ai carichi di lavoro gestibili e ai livelli di servizio attesi, arrivando a definire puntualmente i giri visita ottimali (in modo integrato rispetto ai sistemi di reporting interno)

- raffinare i modelli analitici per la definizione delle priorità d'azione integrando i dati interni aziendali e i dati specifici del settore farmaceutico con dati di fonte esterna. Dati sia di tipo "primario" (ad es. dati socio demografici, professioni, livelli di reddito) che di tipo "derivato" ed elaborati in fuzione degli obiettivi specifici che ciascuna azienda si propone di raggiungere (ad es. propensioni all'acquisto, sensibilità a certe category di prodotto, ecc.).

- studiare l'effetto congiunto di tali dati in chiave territoriale sulla domanda

- integrare con le best practice in termini di data mining, forecasting e geostatistica a supporto delle previsioni e della comprensione del business

- sviluppare gli strumenti di reporting e business intelligence con l'obiettivo di distribuire in azienda la conoscenza. Tali strumenti consentono analisi e interpretazioni immediate onde cogliere in modo tempestivo i segnali di un mercato che evolve sempre più rapidamente ed orientare conseguentemente le proprie strategie

VALUE LAB

LinkedIn 
torna su