Il giro della nera. Mappato il crimine milanese

Marta Frattini, 13/01/2011

Daniele Belleri, giornalista free lance, ha raccolto e geolocalizzato i crimini avvenuti a Milano nel corso del 2010 e dei quali si è avuta notizia sui diversi mezzi di informazione.

Con questo metodo, già molto utilizzato negli Stati Uniti, Belleri ha creato un’interessante e in parte sorprendente mappa di Milano, dalla quale sono risultate per esempio imprevedibilmente tranquille alcune delle periferie tradizionalmente più malfamate (Barona, Gratosoglio, Comasina). E’ possibile visualizzare anche lo spaccato per tipologia di crimine, dal quale ben si riconosce il profilo di alcune aree della città: il quadrilatero e le vie dello shopping si caratterizzano per scippi e rapine, la zona interna alla prima circonvallazione per furti in appartamento, l’area di Via Padova per risse e accoltellamenti, e così via.

Questo quadro della città presenta ovviamente dei limiti, primo tra tutti la fonte del dato (sono stati mappati solo i crimini che sono arrivati all'attenzione della cronaca), ma è un esperimento interessante che ci auguriamo possa essere presto approfondito e fatto proprio con modalità più strutturate dagli organismi pubblici. Questo avrebbe considerevoli benefici non solo per la sicurezza, ma anche per una miglior conoscenza e comprensione da delle nostre città.

Visualizza la mappa: http://maps.google.it/maps/ms?hl=it&gl=it&ptab=2&ie=UTF8&oe=UTF8&t=p&msa=0&msid=212211623543453603643.00047bcbd25c8a2abe80c&source=embed&ll=45.48204,9.180794&spn=0.144429,0.20565

Per approfondimenti: http://ilgirodellanera.wordpress.com/


Marta Frattini

Senior Consultant

LinkedIn 
torna su